Dante, Divina Commedia – Inferno, Canto II, vv. 94 – 142

   Donna è gentil nel ciel che si compiange
di questo impedimento ov’io ti mando,
sì che duro giudicio là su frange.
   Questa chiese Lucia in suo dimando
e disse: Or ha bisogno il tuo fedele
di te, ed io a te lo raccomando
   Lucia, nimica di ciascun crudele,
si mosse, e venne a loco dov’i’ era,
che mi sedea con l’antica Rachele.
   Disse: Beatrice, loda di Dio vera,
ché non soccorri quel che t’amò tanto,
ch’uscì per te la volgare schiera?
   non odi tu la pieta del suo pianto?
non vedi tu la morte che ‘l combatte
su la fiumana ove ‘l mar non ha vanto?
   Al mondo non fur mai persone ratte
a far lor pro o a fuggir lor danno,
com’io, dopo cotai parole fatte,
   venni qua giù del mio beato scanno,
fidandomi nel tuo parlare onesto,
ch’onora te e quei ch’udito l’hanno’.
   Poscia che m’ebbe ragionato questo,
li occhi lucenti lacrimando volse;
per che mi fece del venir più presto
   e venni a te così com’ella volse;
dinanzi a quella fiera ti levai
che del bel monte il corto andar ti tolse.
   Dunque che è? Perché, perché ristai?
perché tanta viltà nel cuore allette?
perché ardire e franchezza non hai?
   poscia che hai tre donne benedette
curan di te nella corte del cielo
e ‘l mio parlar tanto ben t’impromette?
    Quali i fioretti, dal notturno gelo
chinati e chiusi, poi che ‘l sol li ‘mbianca
si drizzan tutti aperti in loro stelo
    tal mi fec’io di mia virtute stanca,
e tanto buono ardire al cor mi corse,
ch’i’ cominciai come persona franca:
   “Oh pietosa colei che mi soccorse!
e te cortese ch’ubbidisti tosto
a le vere parole che ti porse!
   Tu m’hai con disiderio il cor disposto
sì al venir  con le parole tue,
ch’i’ son tornato nel primo proposto.
   Or va, ch’un sol volere è d’ambedue:
tu duca, tu segnore, e tu maestro”.
Così li dissi; e poi che mosso fue,
   intrai per lo cammino alto e silvestro.

Il Signor dell’Altissimo Canto di Sandro Carotta