In altri mondi

Ed è attesa
Sul lungomare che ci divide.
Attendo un approdo,
un abbraccio,
un conforto d’amore.
Si dissolvono le impronte
sulla battigia,
non s’arresta l’alternanza delle maree,
né lo sciabordìo delle onde,
suoni che rubano memorie
a momenti passati,
ad incroci di mani
che ora non possono essere.
Sa di lontananza
questo tempo,
di solitudini raccolte
in un calice ambrato,
nel brindisi fatto
tra me e me stessa.
E mi chiedo se mi pensi,
mi domando cosa fai,
io ti risponderei
“niente di speciale, aspetto,
attendo l’attimo di noi”.
Tra le mani un bicchiere ormai vuoto.
Un cuscino m’attende,
dove appoggiare i pensieri
aspettando l’oblìo del sonno
e sperando di trovarti
in altri mondi.

Gloria Venturini, Io ci sono, il Veneto testimone della Pandemia
AA.VV., Doge Edizioni, Lendinara 2020

Articolo precedenteIl ciliegio, il Sakura e il senso delle cose
Articolo successivoMistero
Gloria Venturini è ideatrice e Presidente del Concorso letterario “L’arcobaleno della Vita” della Città di Lendinara. Vincitrice di numerosi Premi nazionali e internazionali, ha pubblicato libri di poesia, racconti e favole, quali: “Camminando tra i giardini dell’anima”, “L’arcobaleno della vita”, “Ai bordi della vita”, “Coriandoli di ricordi”, “Rivoli di donna”, “Ti seguirò nel vento”, “Come il canto di una preghiera” (premiato al primo posto assoluto nel 2012 al Concorso Leandro Polverini di Nettuno), “Attorno ai lembi elisi”, “Il grande canto”, “Al di là dell’orizzonte”, “Attimi come pupazzi di neve all’equatore”, “D’altre dissolvenze”. E’ stata curatrice dell’Antologia poetica “Parole tra le pagine” edita dalla Albus Edizioni di Napoli. Iscritta dal 2010 a ASIDA AutoriOnline. I suoi testi si trovano in varie biblioteche del territorio nazionale, tra le quali la BAUM del Cà Foscari di Venezia, la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e di Roma, la Biblioteca Vittorio Emanuele III di Napoli, la Biblioteca Braidense di Milano e al Dipartimento di Filologia classica di Bologna.